Io ci metto il cuore per le persone deboli, altri ci mettono il sesso rendendole deboli.

Che cosa c’è di strano, altre 2 donne uccise, una, due o tre ragazze violentate a un party, forse sono state ingenue, non sapevano che c’era droga?

Che cosa c’è di strano, un coltello infilato nella carne, che cosa c’è di strano, la morte di una persona e l’altra che non riesce a ricordare cosa le successo, un’altra uccisa con i figli e la gente che guarda senza dire che stai sbagliando o hai sbagliato, tutti a dire che era un bravo ragazzo, con me si è comportato bene, con noi lo stesso, con loro era gentilissimo.

Andava a messa tutte le domeniche, era un uomo esemplare.

Sembra un film di C.S.I., di morte, di droga e di violenza.

Ma purtroppo è la realtà.

Dall’inizio dell’anno 2020, 92 donne uccise, 199 giovani ragazze stuprate, drogate con l’unica eccitazione di possederle, e quante donne si sono suicidate o hanno perso il senno per la violenza subita e quante donne non chiamano il centro antiviolenza 1522 e si tengono il dolore, le botte, l’arroganza dando delle motivazioni più strane per salvare il compagno.

Ragazze spaventate da esseri umani, chiamati stalker, e hanno paura. Ragazze bellissime ferite nel corpo con l’acido…loro con forza stanno andando avanti, ma voi uomini vivrete in quelle quattro mura, ripensando che fuori i fiori continuano a nascere, mentre i vostri incubi vi tormenteranno per sempre.

Nelle aziende c’è un codice etico da rispettare, introdotto nel 2001, in cui sono indicati i principi di correttezza, lealtà, trasparenza e impegno per preservare l’integrità morale e sociale dell’azienda stessa, specificando per i dipendenti che non è permesso adottare qualsiasi comportamento indesiderato a connotazione sessuale o qualsiasi altro tipo di discriminazione basata sul sesso che offenda la dignità delle donne e degli uomini nell’ambiente di lavoro, ivi inclusi atteggiamenti di tipo fisico, verbale o non verbale.

Ma questo vale per i grandi possidenti e proprietari di azioni o aziende e, al di fuori dell’ambiente lavorativo, forse no?

Si, il loro “comportamento” va a discapito delle persone che lavorano in quella società…essere proprietario di un’azienda significa avere un comportamento integerrimo, perché poi ne risente anche l’integrità della società stessa, i propri dipendenti…infatti è successo che la barca stava affondando e il primo a lasciare la nave era proprio il “comandante”.

Sono persone, queste, che fanno della carne il loro desiderio, e poi cosa fanno? si scusano, non è colpa mia era la droga, oppure con i giornali scrivono dell’ingenuità della ragazza.

Il codice etico non vale per Voi, con i vostri soldi potete pagare i migliori avvocati, e la vittima passa da parte offesa, ad essere considerata una donna perduta e di mestiere.

Io amo i miei colleghi, che fanno il mio stesso lavoro, mi sentirei molto male che coinvolgano la mia o la vostra azienda, per colpa di un uomo ricco, ma molto piccolo nel suo “io” e povero nella sua anima.

Sono stanco a 62 anni di sentire queste cose, una volta c’era il delitto d’onore, e solo l’uomo “era perdonato” in caso di adulterio, se lo faceva l’uomo tutto era risolto e senza colpa

Essendo l’uomo “cacciatore”, tutto ok, non importa se la preda è ferita nell’onore, ma la sua sazietà di sesso è stata soddisfatta.

Ora con i soldi si puo’ cacciare, puoi farti bello per quello che hai, che possiedi.

Vedrai per paura di essere coinvolti, essendoti amici…rimarrai da solo!

Lo aveva predetto Gesù all’apostolo Pietro prima che il gallo canti tu mi tradirai 3 volte, e questo succederà anche a te…rimarrai solo, con i tuoi avvocati!

La tua punizione sarà questa, come nella canzone di Sergio Endrigo “la festa è finita gli amici se ne vanno”, e rimani da solo, e non voglio che la ragazza/e rimangano da sole, non devono perdere la loro autostima, e devono essere circondate da chi vuol loro bene, per amore.

Io ho acquisito la mia autostima piano piano, con i colleghi, con gli amici e il mondo che mi circondava, ho fatto fatica a credere di essere “uguale” agli altri, non ho usato il denaro, ma la mia relazione umana.

E voi giornalisti, che lapidate una donna per fare grandi titoli, lo sapete che la penna ferisce più della spada? Che la gente legge solo i titoli grandi e ne trae gravi le conclusioni? Non lanciate pietre, per far male a un’idea, cercate di essere “spero” coerenti con le idee vere.

Salvate chi è da salvare e punite chi deve essere punito.

Leonardo Cardo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...