Voi mi conoscete, non sono più alto di 1 metro e 30 centimetri, ma il giorno 26 maggio 2021, in un periodo nefasto per il corona virus e per le possibilità di stare in mezzo alla gente (mi manca molto stare con le persone che amo) con l’amore di ognuno di noi e voi, che si può interpretare in diversi modi:

L’amore per la persona amata

L’amore per le persone che ci circondano e che vivono day by day con te vicino

L’amore per le persone che hai conosciuto in questo tragico periodo, tramite webminar e ti hanno dato la voglia e il desiderio di camminare insieme

L’amore emotivo quando vedi e conosci qualcuno che ti fa capire, che la vera essenza della vita è consapevolezza autostima ma nello stesso tempo la sua voglia di essere donatore di sorriso.

E’ quest’ultimo che vorrei descrivere il mio entusiasmo, ieri ho conosciuto una persona speciale Simona Atzori una grande ballerina e pittrice, che la vita non gli ha dato le braccia, ma gli ha dato una grande forza interna, per la quale ha realizzato i suoi sogni.

Cosa deriva tutta questa forza, nell’essere spronata giorno per girono nell’esaudire i suoi desideri, non aver “paura” continua!

L’importante è la tua felicità, ci saranno momenti difficili, ma quando c’è la determinazione e la voglia allora segui il tuo sogno e vola ………

Ieri 26 maggio 2021, HO TOCCATO IL CIELO CON UN DITO, nel vederla ballare e intervistare. in un seminario sulla disabilità/affidabilità in Zurich, ho conosciuto questa donna, non per il suo essere, ma per il suo sorriso che ti dice “IO SONO FELICE”.

Io ero ammutolito dalla sua presenza e molte volte, anche se l’avevo conosciuta prima, avevo un po’ di soggezione, ma appena la guardi negli occhi tutto decade, tutto ritorna alla mia altezza, mettendoti a proprio agio, come se ci conoscessimo da sempre.

La fortuna di questa meravigliosa donna è stata nell’avere dei genitori che la incitavano, a fare, nulla si crea nulla si distrugge, ma se hai la consapevolezza e se ogni volta che balli provi emozione allora hai costruito la tua vita con felicità e amore verso te stessa e verso gli altri.

Perché scrivo questo articolo, non per desiderio di cronaca, non per farmi importante di aver fatto questa intervista, ma è la seconda volta che tocco “IL CIELO CON UN DITO”, quando ero giovane tanti, tanti, anni fa, la condizione del diversamente abile era basata “sul non fare questo”, “non fare quello”, perché potresti avere dei problemi, “non ti abbattere”, “stai tranquillo”, avevo “PAURA” di fare tutto.

Chi mi ha aiutato ad essere quello che sono, mia moglie i miei colleghi

Si anche i miei colleghi che hanno visto in me delle potenzialità nel manifestare la mia voglia di vivere, e trasmetterla agli altri, io non so ballare non so disegnare, ma riesco a dialogare e ascoltare perché ogni uno di noi ha bisogno di una mano, per toglierlo dall’isolamento interiore, loro hanno dato una mano molto forte, mi sono affidato a LORO, e non voglio peccare di presunzione, molta gente si affida a me, e sono anche se non si deve dire “Strafelice”.

Essere d’esempio come Simona, ti ridà la voglia di volare verso l’sola che non c’è.

L’isola della felicità emozionale, quindi chi dobbiamo ringraziare, la “ciurma” che nel nostro io ci ha portato a vivere e non sopravvivere, i nostri genitori, i famigliari, i nostri amici, i NOSTRI COLLEGHI, Le persone che ho conosciuto in questo lock down, le persone che ogni tanto quando io cado sono pronte ad prenderti per mano per farti rialzare. 

Simona e i colleghi di Zurich, grazie a voi io vivo e non sopravvivo.

Buona giornata e spero chi leggerà questa mia lettera aperta, un domani, più prossimo possa:

“Toccare il cielo con un dito”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...